venerdì 7 novembre 2008

THE VENOMOUS WORLD: I RAGNI

Eccoci giunti ad un capitolo importante, i ragni, temuti e considerati pericolosi e mortali, ma effettivamente sono pochi i ragni realmente letali per l'uomo. Diciamo che tutte le 20.000 specie di ragni sono velenose, di maggiore rilevanza sono le punture di ragni che iniettano principi neurotossici e necrotizzanti. Circa il 15% delle persone punte da ragni velenosi devono essere ricoverate; qualche volta si sviluppa un'anemia aplastica, dopo diverse settimane dalla puntura, che risulta fatale.

I primi segni clinici della puntura sono la febbre e una forma di orticaria, che poi si trasforma in debolezza muscolare persistente diverse settimane, dissociazione sensoriale e talvolta insufficienza renale. Le punture di alcuni ragni dell'Australia, Sud Africa e Sud America, sono invariabilmente fatali. Tra la puntura di ragno e la morte, trascorre un certo tempo, l' 89% di 54 vittime e' morta dopo piu' di 12 ore dal morso. Solo pochi ragni velenosi sono stati studiati approfonditamente.


Vediamo adesso i vari tipi di ragni velenosi:

Atrax Robustus

Il ragno volgarmente detto Australian funnelweb (Atrax robustus) può causate un edema polmonare anche ad un uomo adulto in buona salute se questo non possiede l'antidoto. La femmina è grande circa il doppio del maschio, anche se quest'ultimo ha un veleno 5 volte più tossico; sia la femmina che il maschio rientrano nelle 4 specie più pericolose per l'uomo. Molto agressivo, tende a mordere se disturbato, vive in Australia. A differenza di altri ragni, quando morde, inocula sempre molto veleno.


Vedova Nera


La vedova nera (Latrodectus hesperus) ha un veleno 15 volte più tossico di quello del serpente a sonagli ma siccome la quantità di veleno deposto dal ragno è relativamente bassa, la mortalità da veleno di vedova nera è abbastanza contenuto. E’ poco aggressivo, preferisce fuggire, ma occasionalmente morde se percepisce una minaccia. Ha un morso doloroso e neurotossico. E’ diffusa in varie zone del mondo, in Italia ne esiste una specie, poco velenosa conosciuta come Malmignatta (Latrodectus tredecimguttatus).



Phoneutria

Nelle foreste del Sud America vive la Phoneutria che è composta da 5 specie: Phoneutria bahiensis, phoneutra boliviensis, phoneutra fera, phoneutra nigriventer, phoneutra reidyi, la fera e la negriventer sono le più pericolose. Un ragno velocissimo, aggressivo e soprattutto molto velenoso: un topo può morire con 0,006 mg del suo veleno. Il corpo è marrone, le dimensioni sono notevoli, quasi come una tarantola, frequenta luoghi abitati e la si trova nei vestiti e nella spazzatura.


Ragno Topo

Un altro ragno tra i più pericolosi per l'uomo è il Ragno topo (Missulena occatoria). Vive in Australia e raggiunge una dimensione di circa 4-5cm per i maschi e 7-10cm per le femmine. Il ragno topo è estremamente pacifico, ma attacca se provocato in modo continuo. Il suo veleno causa intensi dolori, una temporanea paralisi della parte colpita, momentanea pazzia, nausea, vertigini, forte tachicardia e nei casi estremi la morte. Non esistono comunque molte situazioni in cui questo aracnide si è reso responsabile di attacchi agli umani.



Theraphosidae

Meglio conosciuta come Tarantola appartiene alla famiglia delle Theraphosidae, il temibile aspetto e le ragguardevoli dimensioni (fino a 25cm) incutono una notevole paura, ma a differenza degli altri ragni è poco velenoso, divise in due categorie, quelle che vivono in America sono poco velenose ed hanno peli urticanti, invece quelle del vecchio continente sono più agressive, mordono per uccidere e lanciano peli urticanti, il loro veleno è più potente dell’altra specie, ma comunque non mortale per l’uomo.






Non esiste una classifica di quale sia il più mortale, ma ognuno di questi può causare sintomi e problemi che portano al decesso, spero di aver fatto una panoramica valida ed utile.

Alla prossima puntata.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

Articoli correlati per categorie



0 commenti: