sabato 18 ottobre 2008

THE VENOMOUS WORLD


Ovvero il mondo degli animali velenosi.
Inizierò con un argomento in cui riscontro un grande interesse, e di cui noto una certa confusione, leggendo in giro per i vari blog e siti.

Avendo un morboso interesse sull’argomento, forse dovuto ad un fascino oscuro relativo a questi animali, ho iniziato tempo fa una ricerca per avere chiarezza sull’argomento.

Ho dovuto cercare molto perché ogni sito consultato aveva il suo interesse a parlare dei propri argomenti, e quindi per ottenere una completa conoscenza ho dovuto riunire e intrecciare tutte le informazioni.

Siccome l’argomento è vasto dovrò suddividerlo in vari capitoli e farò uscire un articolo a settimana.

In questa introduzione iniziamo a definire alcune cose del Mondo degli Animali Velenosi.

Il veleno animale è una sostanza chimica secreta dall’animale stesso ed ha due scopi:

  1. difendersi da nemici e predatori
  2. attaccare per catturare e uccidere la preda

Nel primo caso l’origine è da sostanze tossiche tipo acidi, nel secondo caso spesso l’origine è il sistema digerente e principalmente da ghiandole salivari modificate, esistono anche mescolanze ed eccezioni.

Per poter catalogare la pericolosità degli animali velenosi bisogna fare una distinzione ovvero due classifiche, la prima riguarda quale animale è il più velenoso, cioè produce la sostanza maggiormente letale, la seconda quale animale è più pericoloso, cioè quale provoca il maggior numero di vittime.

Questa distinzione è alla base di un analisi del mondo degli animali velenosi, perché non è detto che quello più velenoso sia anche il più letale, anzi come vedremo le differenze sono molto profonde e sostanziali.

Per determinare quale animale è il più letale dovremo verificare alcuni punti:

  1. la capacità di inoculare il veleno, ovvero come viene somministrata la sostanza e se l’animale in questione è in grado di penetrare efficacemente la cute
  2. la quantità di veleno, cioè se la sostanza è prodotta in quantità sufficiente per uccidere oppure no.
  3. l’aggressività dell’animale, alcuni animali fuggono, altri invece si avventano sull’avversario senza paura.
  4. Il rapporto con l’uomo, ovvero quanto è diffuso nelle zone abitate oppure se vive in luoghi disabitati.
  5. le condizioni dell’avvelenamento, se uno si trova in acqua è sufficiente svenire per annegare.

Nel nostro escursus in questo affascinante mondo mortale conosceremo le varie tipologie di ambienti con i loro animali, si partirà dal mondo marino, poi avremo, gli Artropodi, gli Aracnidi, i volatili, i Serpenti ed altri.

Vi ringrazio per l’attenzione e a presto….


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

Articoli correlati per categorie



0 commenti: