sabato 18 ottobre 2008

SCRITTORI: JACK VANCE (Il personaggio)



Una altra rubrica di questo blog sarà dedicata agli scrittori di fantascienza.
Inizio con quello che io considero il più grande: Jack Vance

Il vero nome è John Holbrook Vance, nasce a San Francisco il 28 Agosto 1916.
Nella sua carriera ha utilizzato anche alcuni pseudonimi quali: Ellery Queen, Alan Wade, Peter Held e John van See, ma i suoi più grandi romanzi sono stati tutti firmati con il nome Jack Vance.

Fin da giovane si appassiona alla scrittura del genere, leggendo Weird Tales e Amazing Stories e autori come Edgar Rice Burroughs, Jules Verne, Lord Dunsany e P.G.Wodehouse.
Terminati gli studi superiori non può permettersi l'università e si dedica a svariati lavori, in seguito si iscrive all'università di Berkley dove frequenta prima fisica e poi giornalismo. Lavora per un certo periodo al porto di Honolulu e ritorna negli USA per l'inizio della 2° guerra mondiale.
Partecipa ad un programma di addestramento dei servizi segreti, ma poi si arruola nella marina mercantile, in questo periodo inizia a scrivere narrativa e in particolari i primi racconti del Ciclo della Terra Morente. Nel periodo tra il 1950 e il 1970 lavora anche come sceneggiatore per la 20th Century Fox. Quindi viaggia molto, prima in Europa e in seguito in luoghi esotici dove si ferma per parecchi mesi scrivendo nuovi racconti e romanzi. Successivamente si stabilisce a Okland in California dove tuttora risiede.
Il suo primo lavoro pubblicato su Thrilling Wonder Stories è Il pensatore di mondi del 1945.

Ha scritto oltre settanta libri, molti sono inseriti all'interno di un ciclo.
Jack Vance si distingue per la sua grande capacità inventiva, una prosa scintillante ed una verve pungente che unite ad una ricercatezza stilistica di tutto rispetto contribuiscono a crearne un immagine di indubbio valore.
Vance ha sempre scritto un genere di storie decisamente e inequivocabilmente fantascientifiche con uno stile fantastico dandoci così il meglio di entrambi i mondi.
La sua straordinaria capacità di creare mondi con civiltà bizzarre, culture improbabili quanto strane, ambienti coloratissimi e particolari, fantastici alieni mettendo sempre in secondo piano la tecnologia rendono la lettura affascinante e piacevole anche per i non appassionati del genere puro.
Generalmente i suoi racconti hanno un protagonista che può essere forte di natura oppure creato dalle circostanze, contrapposto a società particolari e oltraggiose, ambientando le avventure su pianeti che praticano un sistema di credenze assurdo e a volte ripugnante.

Nella sua carriera ha ricevuto numerosi premi quali il Premio Hugo e il Premio Nebula, il World Fantasy Award e il premio Grand Master.

Di seguito una selezione della sua bibliografia che andremo ad analizzare in un prossimo capitolo:

  • Gli Amaranto (1955)
  • Gli schiavi del Klau (1958)
  • I linguaggi di Pao (1958)
  • I Signori dei Draghi (1962)
  • L'ultimo castello (1966)
Ciclo della Terra Morente
  1. Il crepuscolo della Terra (1950)
  2. Le avventure di Cugel L'astuto (1966)
  3. La saga di Cugel (1983)
  4. Rhialto il meraviglioso (1984)
Ciclo dei Principi Demoni
  1. Il re stellare (1964)
  2. La macchina per uccidere (1964)
  3. Il palazzo dell'amore (1973)
  4. La faccia (1979)
  5. Il libro dei sogni (1981)
Ciclo di Tschai
  1. Naufragio su Tschai (1968)
  2. Le insidie di Tschai (1969)
  3. I tesori di Tschai (1969)
  4. Fuga da Tschai (1970)
Trilogia di Lyonesse
  1. Lyonesse (1983)
  2. La perla verde (1986)
  3. Madouc (1990)

Trilogia di Durdane
  1. Il mondo di Durdane (1971)
  2. Il popolo di Durdane (1972)
  3. Asutra (1973)

Trilogia del Cluster di Alastor
  1. Trullion: Alastor 2262 (1973)
  2. Marune: Alastor 933 (1975)
  3. Wyst: Alastor 1716 (1981)

Il Grande Pianeta
  1. L'odissea di Glystra (1951)
  2. Il mondo degli Showboat (1975)

Le cronache di Cadwal
  1. Stazione Araminta (1988)
  2. I segredi di Cadwal (1991)
  3. Throy: terzo continente (1992)

Raggruppamento Gaean Reach
  • Crociata spaziale (1969)
  • Il principe grigio (1974)
  • Maske: Thaery (1976)
  • La fiamma della notte (1996)
  • Fuga nei mondi perduti (1998)
  • L'opera dello spazio (1965)

Analizzeremo le opere di Vance più nel dettaglio in un articolo successivo.
alla prossima....



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

Articoli correlati per categorie



0 commenti: