venerdì 30 gennaio 2009

LE RELIGIONI: Il figlio di Dio

In questo articolo vorrei evidenziare alcune somiglianze tra il figlio del Dio Cristiano conosciuto col nome di Gesù e altre divinità precedenti alla nascita del Cristo.

GESU' CRISTO

Come tutti sanno Gesù nacque a Betlemme o forse Nazareth, figlio di Maria che fù poi dichiarata vergine e Giuseppe, anche se poi Gesù dichiarò di essere figlio di Dio. Divenne un predicatore negli ultimi anni della sua vita nella zona della Giudea. Viene riconosciuto come Messia dalla religione cristiana così come vuole la tradizione ebraica. Durante la sua predicazione fece molti proseliti, compì alcuni miracoli, guarì ammalati e resuscitò morti. Venne ucciso dalle autorità romane per volere degli ebrei, dopo tre giorni risorse e andò in cielo di fianco al padre. Il suo nome reale nonostante tutti lo chiamino Gesù era Yehòshua ben Yòseph un ebreo che fù tale per tutta la sua vita.



OSIRIDE
Dio egiziano della morte e dell'oltretomba.
Venne messo in relazione con Seker e Ptah formando la trinità Seker-Ptah-Osiride.
Fù ucciso e risorse grazie alle sue sorelle.
Quando la lotta tra il bene e il male sarà terminata e il bene trionferà Osiride tornerà a governare sui vivi.








MITRA
Il Dio Mitra appartiene all'induismo e alla religione persiana e nasce nel 1200 a.c.
Nella religione Zoroastista diventa il rappresentante di Ahura-Mazda sulla terra, incaricato di proteggere il popolo dalle forze del male e portare le anime in paradiso (il paradiso è un concetto e una parola di origine persiana).
Mitra divenne anche un Dio ellenico e indicato come il figlio di Anahita, immacolata vergine madre, la sua nascita era celebrata durante il solstizio d'inverno (tra il 21 e il 25 dicembre).
Molti imperatori romani accolsero il culto del Dio Mitra come religione ufficiale di stato.

DIONISO
Dio ellenico delle piante, della terra e della natura.
La sua nascita viene attribuita all'unione di Zeus e la mortale Semele figlia del Re di Tebe.











ERCOLE
Ercole, uno dei miti religiosi dell'occidente, nacque dall'unione del Dio Giove e la mortale Alcmena.
Nella sua vita terrena compì numerosi prodigi, compresa una discesa all'inferno.
Dopo la sua morte salì in cielo per sedere alla destra del padre.








FARAONI EGIZIANI

In egitto si è sempre sostenuto che i faraoni fossero figli deli Dio Ra, e che il loro concepimento avvenisse grazie ad una forza spirituale di nome Ka.
I faraoni che rappresentano il Dio Horus sulla terra hanno dei sacerdoti per eseguire i riti religiosi.








QUETZALCOATL
Dio-serpente della mitologia azteca, nonostante questa religione sia antecedente a quella cristiana è stata scoperta ovviamente dopo la scoperta dell'america, sono però curiose un paio di cose.
Quetzalcoalt nacque da una vergine, la dea Coatlicue.
Nella contemplazione del ciclo dei mondi, presente in molte culture americane, i mondi precedenti al nostro furono distrutti dal diluvio.








CONCLUSIONE

Non credo serva dare spiegazioni in merito, le persone con un minimo di intelligenza sono in grado di vedere e leggere le similitudini, tenendo sempre presente che tutti questi personaggi mitologici sono antecedenti alla nascita di Gesù.

mercoledì 28 gennaio 2009

SCOPERTE SCIENTIFICHE: Il calendario gregoriano

Il calendario giuliano, adottato da Giulio Cesare nel 46a.c. non era molto preciso. Adottava un anno lungo 365,25 giorni, ma la durata dell'anno si avvicinava di più ai 365,2422 giorni.
Se l'anno fosse durato esattamente 365,25 giorni, quel quarto di giorno in più si sarebbe potuto sistemare aggiungendo un giorno in più ogni 4 anni. Allora ogni quattro anni l'anno sarebbe stato lungo 366 giorni (anno bisestile), e nel giro di 400 anni ci sarebbero stati 100 anni bisestili.
Un anno di 365,2422 giorni è lungo circa 365 e 97/400. Questo significa che ci dovrebbero essere soltanto 97 anni bisestili ogni 400 anni, e non 100.
Con il calendario giuliano venivano aggiunti 3 giorni di troppo ogni 400 anni, e l'equinozio di primavera cadeva sempre prima. Se quando era stato stabilito il calendario giuliano l'equinozio di primavera era il 21 marzo, allora nel 1582 sarebbe caduto l'11 marzo, 10 giorni prima.
La chiesa era estremamente coinvolta in questa faccenda, perchè le festività religiose dipendevano dal calendario, e se questo lento spostamento continuava, con il passar del tempo Pasqua sarebbe giunta in inverno, e Natale in autunno.
Nel 1582 la Chiesa trovava che la situazione fosse intollerabile.
L'astronomo bavarese Christoph Clavius (1537-1612) elaborò il progetto di un calendario più preciso, e papa Gregorio XIII lo adottò.
Il 4 ottobre 1582 vennero saltati 10 giorni, e il giorno successivo fù il 15 ottobre. Da allora in poi, qualunque anno finisse in 00 ma non fosse divisibile per 400, non era un anno bisestile.
Perciò 1600 era un anno bisestile, ma 1700, 1800 e 1900 non lo erano. Tuttavia, il 2000 è stato un anno bisestile, e non lo saranno 2100, 2200 e 2300. In tal modo si ottengono soltanto 97 anni bisestili ogni 400 anni.
L'Europa cattolica adottò quasi immediatamente il calendario gregoriano. I nuovi stati protestanti furono più riluttanti, dato che preferivano essere in disaccordo con il sole, piuttosto che essere daccordo con il papa. La Gran Bretagna non adottò il nuovo calendario per 2 secoli; la Russia per tre secoli e mezzo.

martedì 27 gennaio 2009

THE VENOMOUS WORLD: La pericolosità

Dobbiamo distinguere il tipo di pericolosità degli animali velenosi, la prima riguarda la potenza del veleno, la seconda quanto è pericoloso un animale.


LA POTENZA DEL VELENO
Per determinare quanto è potente un veleno si utilizza la tabella LD50, questa tabella la si ottiene determinando la tossicità del veleno su ratti, topi, mosche e su linee e culture cellulari, si fà una media, se ne desume un trend e si ottiene una carta di identità della sostanza.
Il valore LD50 è riferito alla dose mortale per il 50% delle persone che hanno ricevuto l'inoculazione del veleno sottocute, il valore è riferito ad un milligrammo di veleno ogni chilogrammo, ad esempio la Vedova Nera ha un LD50 di 0,9mg/Kg quindi per uccidere un uomo di 80Kg dovrà inoculare 72mg di veleno.
Ovviamente il comportamento del veleno sarà leggermente differente che se fosse testato sull'uomo, però i ratti sono abbastanza simili per enzimi e proteine a uomo e primati.
Ad ogni buonconto la tabella LD50 mostra una buona approssimazione di tossicità dei veleni. Dopo una lunga e difficile ricerca ecco la tabella completa, comprendente nome animale, nome scientifico, valore LD50 (mg/Kg) e area geografica di residenza dell'animale.

Anemoni Palythoa (Palythoa toxica) 0,0004mg/Kg (Coste coralline Pacifico e caraibi)
Rana dorata (Phyllobates terribilis) 0,002mg/Kg (Sudamerica)
Conus Geographus (Conus Geographus) 0.003mg/Kg (Oceano indiano)
Vespa di Mare (Chironex fleckeri) 0,004mg/Kg (Oceania)
Polpo ad anelli blu (Hapalochlaena lunulata) 0,004mg/Kg (Asia)
Taipan dell'interno (Oxyuranus microlepidotus) 0,025mg/Kg (Australia)
Eastern brown snake (Pseudonaja textilis) 0,036mg/Kg (Australia)
Duboisi's sea snake (Aipysurus duboisi) 0,044mg/Kg (Australia)

Hooded pitohui (Pitohui dichrous) 0,05mg/Kg (Sudamerica)
Yellow bellied sea snake (Pelamis platurus) 0,067mg/Kg (Australia)
Horned sea snake (Acalyptophis peroni) 0,079mg/Kg (Australia)

Taipan della costa (Oxyuranus scutellatus) 0,106mg/K
g (Australia)
Banded krait (Bungarus multicinctus) 0,108mg/Kg (Asia)

Black banded sea snake (Hydrophis melanosoma) 0,111mg/Kg (Australia)

Beaked sea snake (enhydrina schistosa) 0,112mg/Kg (Australia)

Congo water cobra (Boulangeria christy) 0,12mg/Kg (Africa)

Peninsula tiger snake (Notechis a. niger) 0,131mg/Kg (Australia)

Phoneutria (Phoneutria negriventer) 0,134mg/Kg (Sudamerica)
Phoneutria fera (Phoneutria fera) 0,135mg/Kg (Sudamerica)

Banded water cobra (Boulengeria annulata) 0,143mg/Kg (Australia)
Saw scaled viper (Echis carinatus) 0,151mg/Kg (Asia-Africa)

Australian funnyweb (Atrax robustus) 0,16mg/Kg (Australia)
Collared sea snake (Hydrophis stricticollis) o,164mg/Kg (Asia)
Olive headed sea snake (Hydrophis major) 0,193mg/Kg (Australia)

Weste
rn tiger snake (Notechis a. occidentalis) 0,194mg/Kg (Australia)
Ragno topo (Missulena occatoria) 0,2mg/Kg (Australia)
Tiger rattlesnake (Crotalus tigris) 0,21mg/Kg (America del nord)
Mainland tiger snake (Notechis scutulatus) 0,214mg/Kg (Australia)

Elegant sea snake (Hydrophis elegans) 0,26mg/Kg (Australia)

Olive sea snake (Aipysurus laevis) 0,264mg/Kg (Australia)
Broad banded sea krait (Laticauda semifasciata) 0,273mg/Kg (Australia)
Pesce scorpione (Pterois volitans) 0,28mg/Kg (Asia-Australia)
Cobra cinese (Naja atra) 0,29mg/Kg (Asia)
Scorpione giallo (Leiurus quinquestriatus) 0,3mg/Kg (Africa)
Mamba nero (Dendroaspis polylepis) 0,32mg/Kg (Africa)
Chapel island tiger snak
e (Notechis a. serventyi) 0,338mg/Kg (Australia)
Duadin's sea snake (Hydrophis nigrocinctus) 0,343mg/Kg (Asia)

Indian krait (Bungarus caeruleus) 0,365mg/Kg (Asia)

Desert cobra (Walterinnesia aegyptia) 0,4mg/Kg (Africa)
Banded sea krait (Laticauda colubrina) 0,435mg/Kg
(Asia)
Cobra indiano (Naja naja) 0,45mg/Kg (Asia)

Annulated sea snake (Hydrophis cyanocinctus) 0,464mg/Kg (Asia)

Western brown snake (Pseudonaja nuchalis) 0,473mg/Kg (Australia)

Eyelash sea snake (Acalyptophis antarticus) 0,5mg/Kg (Australia)

Lowland copperhead (Austrelaps superbus) 0,5
mg/Kg (Australia)
Hardwiche's sea snake (Lapemis hardwichi) 0,541mg/Kg (Asia)

Dugite (Pseudanaja affinis) 0,66mg/Kg (Australia)

Mamba verde dell'ovest (Dendroaspis viridis) 0,7mg/Kg (Africa)
Cape cobra (Naja nivea) 0,72mg/Kg (Asia)

Vipera di Russel (Daboia russelii russelii) 0,75mg/Kg (Asia)

Caravella portoghese (Physalia physalis) 0,8mg/Kg (Australia-Europa)
Pesce pietra (Synanceia v
errucosa) 0,8mg/Kg (Barriere coralline)
Vedova nera (Latrodectus hesperus) 0,9mg/Kg (Sudamerica)
Mamba di Jameson (Dendroaspis jamesoni) 1mg/Kg (Africa)
Brazilian yellow scorpion (Tityus serrulatus) 1mg/Kg (Sudamerica)
Papuan black snake (Pseudechis papuanus) 1,09mg/Kg (Australia)
Arizona bark scorpion (Centruroides exilicauda) 1,12mg/Kg (America del nord)
Cobra egiziano (Naja haje) 1,15mg/Kg (Africa)
Serpente corallo (Micrurus fulvius) 1,3mg/Kg (America del nord)

Stephen's banded snake (Hoplocephalus stephensi
) 1,36mg/Kg (Australia)
Cobra reale (Ophiophagus hannah) 1,7mg/Kg (Asia)

Mulga snake (Pseudechis australis) 1,94mg/Kg (Australia)

Red bellied black snake (Pseudechis porphyriacus) 2mg/Kg (Australia)

Spotted black snake (Pseudechis guttatus) 2,13mg/Kg (Australia)

Collet's snake (Pseudechis colletti) 2,38mg/Kg (Australia)

Rinkhals (Hemacha
tus haemachatus) 2,65mg/Kg (Africa)
Small eyed snake (Cryptophis nigrescens) 2,67mg/Kg (Australia)

Mostro di Gila (Gila heloderma suspectum) 2,8mg/Kg (America del Nord)
Mexican west coast rattlesnake (Crotalus basiliscus) 2,8mg/Kg (America del Nord)
Mamba verde dell'est (Dendroaspis
angusticeps) 3,05mg/Kg (Africa)
Timber rattlesnake (Crotalus horridus horridus) 3,1mg/Kg (America del Nord)

Banded krait (Bungarus fasciata) 3,6mg/Kg (Asia)
Vipera iraniana (Vipera latifi) 4,61mg/Kg (A
sia)
Wagler's viper (Tropidolaemus wagleri) 6,19mg/Kg (Asia)

Vipera del medioriente (Vipera bornmuelleri) 6,25mg/Kg (Asia)

Adder (Vipera berus) 6,45mg/Kg (Europa)

Long-nosed viper (Vipera ammodytes) 6,59mg/Kg (Europa)

Jararaca (Bothrops jararaca) 7mg/Kg (Sudamerica)

Tarantola (Theraphosidae) 8mg/Kg (America-Europa)
Indian green tree viper (Trimeresurus gramineus) 8,6mg/Kg (Asia)
Sharp nosed pit viper (Deinagkistrodon acutus) 9,2mg/Kg (Asia)

Vipera della palestina (Vipera palaestinae) 9,4mg/Kg (Asia)

Rattlesnake e. (Crotalus exul) 9,92mg/Kg (America del Nord)

Lonomia obliqua (Lonomia obliqua) 10mg/Kg (Brasile, Venezuela)
Vipera del Gabon (Bitis gabonica) 12,5mg/Kg (Africa)

White lipped tree viper (Trimeresurus albolabris) 12,75mg/Kg (Asia)

Jararacussu (Bothrops jararacussu) 13mg/Kg (Sudamerica)

Mexican blotched rattlesnake (Crotalus polysticus) 13,3mg/Kg (America del Nord)

J
araraca pintada (Bothrops neuwiedi) 14,2mg/Kg (Sudamerica)
Eastern diamondback
rattlesnake (Crotalus adamanteus) 14,6mg/Kg (America del Nord)
Night adder (Causus rhombeatus) 15mg/Kg (Africa)

Sahara horned viper (Cerastes cerastes) 15mg/Kg (Africa)

Western diamondback rattlesnake (Crotalus atrox) 18,5(America del Nord)

Mamushi (Gloydius blomh
offi) 20mg/Kg (Asia)
B
arba amarilla (Bothrops atrox) 22mg/Kg (Sudamerica)
Malayan pit viper (Calloselasma rhodostoma) 23,4mg/Kg (Asia
)
Rock rattlesnake (Crotalus lepidus klauberi) 23,95mg/Kg (America del Nord)

Red pygmy rattlesnake (Sistrurus miliarus barbouri) 24,3mg/Kg (America del Nord)

Turtle headed sea snake (Emydocephalus annulatus) 25mg/Kg (Asia)

Testa di rame (Agkistrodon contortix) 25,6mg/
Kg (America del Nord)
Mocassino acquatico (Agkistrodon piscovorus) 25,8mg/Kg (America del Nord)

Eyelash viper (Bothriechis schlegeli) 33,2mg/Kg (Sudamerica)

Bushmaster (Lachesis muta) 36,9mg/Kg (Sudamerica)



Legenda:

  • Animali marini
  • Serpenti
  • Aracnidi
  • Scorpionidi
  • Lucertole
  • Altri



PERICOLOSITA' DELL'ANIMALE

Determinare quanto è pericoloso un animale velenoso per l'uomo non è semplice in quanto si deve tenere conto di molti parametri.
Si deve tenere conto di:

  • La capacità di inoculare il veleno, ad esempio i serpenti hanno denti adatti per immettere il veleno sottocute o addirittura per via intramosculare, invece il Hooded pitohui che è un uccello ed è altamente velenoso non può in alcun modo inoculare il suo veleno, bisognerebbe leccarlo oppure toccarlo e leccarsi le dita.
  • La quantità di veleno inoculata, questo è un fattore molto importante, ad esempio laVedova nera ha un LD50 di 0,9mg/Kg invece il Cobra reale ha un LD50 di 1,7mg/Kg, però il Cobra Reale fà molti più morti in quanto produce mille volte più veleno della Vedova Nera, e il singolo morso non è sufficente ad uccidere un uomo, invece il Cobra Reale ne inocula in quantità più che adatta, e questo vale per molti degli animali elencati sopra.
  • L'aggressività dell'animale, un animale come la Rana Dorata ha aggressività uguale a zero, invece un Taipan è abbstanza aggressivo come quasi tutti i serpenti.
  • Il rapporto con la diffusione dell'uomo, molti animali vivono in luoghi disabitati e deserti, invece altri vivono in aree densamente popolate.
  • Le condizioni di avvelenamento, il fattore delle condizioni è abbastanza relativo, è vero che se svieni in acqua anneghi, ma in questo caso sei morto per annegamento e non per avvelenamento.
In base a tutti questi parametri, ed a dati provvenienti dai vari continenti, relativi alle morti da avvelenamento la classifica finale è questa:

  1. Saw scaled viper
  2. Scorpione giallo
  3. Vespa di mare
La vittoria della Vipera rostrata squamata (Saw scaled viper che sopra trovate al 21° posto) è dovuta alla sua larga diffusione in due continenti densamente abitati, alla grande aggressività e alla difficoltà di reperire il vaccino velocemente. Lo stesso vale per lo Scorpione giallo.
La Vespa di Mare largamente diffusa nei mari australiani provoca molte morti per la concomitanza della sua alta velenosità e il fattore acqua, provocando praticamente il 100% dei morti che ne vengono a contatto, nonostante abbia un'aggressività pressoche nulla.

mercoledì 14 gennaio 2009

FILOSOFIA: spiegata con le barzellette

La fallacia "ad autoritatem"

La fallacia "ad Autoritatem" si riferisce a quando si fà appello ad un autorità per sostenere la nostra argomentazione. Non sempre funziona perchè a volte si usa la semplice autorità per confutare prove convincenti del contrario.

Ted incontra il suo amico Al ed esclama:"Al! mi avevano detto che eri morto!"
"E' difficile" replica Al ridendo. "Come puoi vedere, sono vivo e vegeto".
"Impossibile" dice Ted. "La persona che me l'ha detto è molto più affidabile di te".

Un altro esempio nelle argomentazioni ad autoritatem è chi si accetta come autorità legittima.

Un uomo entra in un negozio di animali e chiede di vedere dei pappagalli.
Il proprietario gli mostra due bellissimi esemplari: "Questo lo vendo a 5.000 dollari e l'altro a 10.000".
"Alla faccia!" esclama l'uomo. "Cosa sa fare quello da 5.000?":
"E' capace di cantare tutte le arie di Mozart" risponde il proprietario del negozio.
"E l'altro?"
"Canta l'intero ciclo dell'Anello del Nibelungo di Wagner. E dietro ho un altro pappagallo che vendo a 30.000 dollari".
"Santo cielo e quello che cosa fà?".
"Niente che sia riuscito a sentire, ma gli altri due lo chiamano maestro".

martedì 13 gennaio 2009

DINASTIA SAVOIA: AMEDEO VII il Conte Rosso

Amedeo VII nacque il 24 febbraio 1360 ad Avigliana e crebbe educato alla caccia, alla cavalleria, all'arte del buon governo, concentrando su di sè le speranze sabaude. Il suo soprannome, il Conte Rosso gli deriva dal colore dei capelli e dal suo abbigliamento.
Dal 1370 il padre aveva preso accordi col Duca Giovanni di Berry, fratello del Re di Francia, per organizzare le nozze tra Amedeo, che allora aveva 10 anni, e la piccola Bona di Berry, di soli 5 anni. Il 18 gennaio 1377, nel palazzo reale di Saint-Paul, alla presenza di Re Carlo V, si celebrarono le nozze tra i due ragazzi, dopodichè i due ragazzi tornarono alle rispettive famiglie e solo nel 1381 iniziarono al vita matrimoniale. Amedeo VII intraprese la sua vita di coraggioso cavaliere, combattendo nella Bresse e poi ad Arras e a Bourbourg, a fianco del Re di Francia. Si trovò spesso in battaglia, nelle Fiandre, nel Vallese, a Saluzzo, nel Canavese. Nel 1388 riuscì a firmare un accordo che garantiva ai Savoia la sottomissione dei Grimaldi, che si dichiararono loro vassalli per la contea di Breuil e concessero loro la podestà su Nizza, Villeneuve, Barcellonette, Ventimiglia: si giunse così al tanto agognato sbocco al mare. Il 28 settembre 1388, il Conte Rosso entrò trionfalmente a Nizza. Nel 1391 soggiornò ad Ivrea, dove riunì i rappresentanti dei comuni e i suoi feudatari. Poi partì per la Tarantasia, il suo ultimo viaggio. Il 19 agosto, la corte rientrava a Ripaille e per due mesi Amedeo VII rinviò tutti i suoi impegni pubblici, anche quelli fondamentali per la politica sabauda.
Improvvisamente, nei primi giorni di novembre, fu diffusa la notizia che il Conte Rosso era morto a Ripaille nella notte tra il primo e il 2 del mese. Sulle cause della prematura scomparsa, Amedeo VII non aveva ancora 32 anni, si diffusero le voci più strane, anche perchè l'infermità si era rivelata senza alcun preavviso. Le fonti ufficiali assicurano che si trattava di morte naturale, però molti parlarono di omicidio. Un accusa molto grave, che in principio sembrò confermata: si avanzò l'ipotesi, in seguito ritenuta infondata, che si fosse trattao di avvelenamento. Malgrado ciò, il mistero non fù completamente chiarito.
Amedeo VII fù un valoroso combattente, che però amava sperperare denaro in giochi e svaghi, ma anche se lasciò il suo regno con pochi soldi, riuscì ad ingrandore notevolmente i possedimenti dei Savoia grazie al suo valore.

giovedì 8 gennaio 2009

SCRITTORI: EDMOND HAMILTON

Edmond Moore Hamilton nacque il 21 ottobre 1904 a Youngstown nell'Ohio, seguì studi di fisica presso il Westminster College di New Wilmington (Pennsylvania). Nel 1946 sposò la celebre autrice Leigh Brackett, unione che durò fino alla morte di Hamilton, avvenuta nel 1977. L'autore esordì nel 1926 sulla prestigiosa Weird Tales con il racconto "The monster-god of mamurth", diventando assai ben presto prolifico e firmando decine di opere brevi (soprattutto per Weird Tales) e un cospicuo numero di romanzi. Insieme a E.E. Smith e Jack Williamson, Hamilton gode dell'indiscusso privilegio di essere considerato un grande maestro della space opera e della fantascienza avventurosa.
La sua fama si consolidò negli anni 30 con una serie di opere tra cui la famosa serie di Capitan Futuro, da cui fu poi realizzato un cartone animato giapponese.
Morì il 1° febbraio 1977 a Lancaster.

BIBLIOGRAFIA

  • Crashing sun, 1964 (I soli che si scontrano)
  • Outside the universe, 1929 (L'invasione della galassia)
  • Le avventure del Dottor Dale e Hartley Owen, 1935
  • Capitan Futuro, 1940-1951 (serie di racconti)
  • Chronicles of the Star Kings, 1986 (I sovrani delle stelle)
  • Stars Trilogy, 1959-1961 (trilogia delle stelle)
  • Starwolf, 1982 (Il lupo dei cieli)
I SOVRANI DELLE STELLE

John Gordon, semplice contabile del ventesimo secolo e reduce della seconda guerra mondiale, dopo gli anni trascorsi in mezzo al pericolo e all'avventura, riceve una notte un "magico" messaggio dal futuro. Sbalzato attraverso lo spazio e il tempo, Gordon si ritrova nel corpo di Zarth Arn, Principe dell'Impero Centrale della Galassia, ben duemila secoli nel futuro, ed è improvvisamente coinvolto nel bel mezzo di una battaglia all'ultimo sangue tra l'Impero e il tirannico dominio della Nebulosa Oscura. Solo un arma, il terrificante Distruttore, può garantire la definitiva supremazia delle forze imperiali. Ma la sua potenza è a tal punto smisurata che solo un impiego perfetto del congegno può evitare che esso spazzi via non solo il nemico ma la totalità del cosmo.
E la mente di Gordon, uomo del ventesimo secolo, potrà adeguarsi in tempo e comprendere la tecnologia di duecentomila anni nel futuro ?
La prima delle innumerevoli prove che attendono John Gordon in un ciclo rutilante che è stato definito "il più, affascinante, sfrenato di tutta la fantascienza avventurosa".

mercoledì 7 gennaio 2009

ARTI MARZIALI: T'ai Chi Ch'uan

T'ai Chi Ch'uan letteralmente significa "Boxe (Ch'uan) della Suprema (T'ai) Polarità (Chi)".
Questa denominazione indica che il T'ai Chi Ch'uan è un arte marziale basata sulle leggi che regolano l'interazione e l'alternarsi di quelli che sono, secondo il pensiero cinese, i due principi base (o poli) dell'universo: Yin, il principio negativo, femminile, e Yang, il principio positivo, maschile.
Ma il T'ai Chi Ch'uan è molto di più di una raffinata arte marziale di autodifesa i cui principi sono in perfetta armonia con le leggi naturali: esso può venire infatti anche praticato come una ginnastica morbida particolarmente indicata per la salute psicofisica dell'individuo e come una forma di meditazione in movimento.

LA STORIA

La leggenda narra che Chang San Feng, esperto di arti marziali, un giorno ebbe modo di assistere al combattimento di una gru ed un serpente. Quest'ultimo si sottraeva ai secchi e rettilinei colpi di becco dell'uccello con movimenti morbidi, sinuosi, lenti e continui, ma poi contrattaccava con fulminea rapidità. Il monaco comprese allora che i movimenti circolari e continui sono preferibili a quelli rettilinei e interrotti. Si rese anche conto che in un combattimento la morbidezza e la flessibilità prevalgono sulla durezza e sulla forza come tanti secoli prima aveva già insegnato il filosofo Lao Tzu.
Egli applicò allora questi principi alle arti marziali creando così il T'ai Chi Ch'uan.
Secondo un altra leggenda Chang San Feng avrebbe imparato il T'ai Chi Ch'uan durante un sogno.

STILI DI T'AI CHI CH'UAN

Fra la seconda metà del 1880 e l'inizio del 1900 iniziarono a differenziarsi vari stili di T'ai Chi Ch'uan.

STILE YANG
E' lo stile più diffuso ed è stato definitivamente sistemato da Yang Ch'eng Fu; è stato anche chiamato Ta Chia (grande intelaiatura) perchè predilige posizioni ampie. Le tecniche dello stile Yang sono morbide e continue, ma le applicazioni marziali sono rapide e vigorose.

STILE CH'EN
E' lo stile più antico e per questo è stato chiamato Lao Chia (vecchia intelaiatura). E' caratterizzato da un alternarsi di movimenti lenti e morbidi con movimenti più rapidi e duri.

STILE WU
Creato dal maestro Wu Yu Hsiang, il suo stile è caratterizzato da tecniche di ampiezza ridotta, chiamato Hsiao Chia (piccola intelaiatura).

STILE WU 2°
Creato dal maestro Wu Chien Ch'uan, le posture di questo stile sono inclinate in avanti e i movimenti sono di ampiezza media. Venne chiamato Chung Chia (intelaiatura media).

STILE SUN
Questo stile ha posizioni piccole, movimenti agili e piuttosto veloci, creato da Sun Lu T'ang, Denominato anche Huo Pu Chia (intelaiatura con passi vivaci).


IL T'AI CHI CH'UAN MODERNO
Il programma d'insegnamento del T'ai Chi Ch'uan per il pubblico generico è assai ridotto rispetto a quello degli allievi delle scuole. Al pubblico viene insegnata una versione ridotta della cosidetta "forma lunga", i più semplici esercizi a coppie di T'ui Shou (spingere con le mani) e una forma con la spada. L'insegnamento ha di solito luogo la mattina presto nei parchi, nelle strade e nelle piazze.

Il T'ai Chi Ch'uan delle scuole invece è vastissimo e comprende gli aspetti ginnici e salutari, marziali, filosofici e meditativi. Questo insegnamento è molto rigoroso e per un concreto apprendimento delle tecniche è necessaria una pratica di molti anni sotto la guida di un vero maestro. Vengono inannzi tutto insegnati i Pa Tuan Chin (le otto pezze di tessuto prezioso), messi a punto da Yueh Fei nel dodicesimo secolo, sono tecniche ginniche ed esercizi di combattimento, servono per "aprire le tre porte" ovvero sbloccare spalle, vita e anche, facilitando in tal modo la circolazione dell'energia. I T'ui Shou che sono esercizi che si eseguono in coppia, lo scopo è imparare a deviare una forza che viene esercitata contro di noi. Il Shan Shou che significa "schivare le mani", sono esercizi che insegnano a schivare un attacco portato da lontano ed è composto da otto tecniche fondamentali. Il Ch'in Na, "prendere e controllare", comprende tutte le tecniche di presa con leve, immobilizzazioni e strangolamenti, sono 108 tecniche fondamentali e vi sono anche le opportune contromosse. Il Ta Lu, che significa "grande spostamento con trazione verso il basso e dietro di sè", che sono una combinazioni di esercizi di schivata, spinta e presa, si studiano prima le otto tecniche fondamentali e poi tutto l'esercizio di T'ai Chi Ch'uan viene applicato in coppia utilizzando le tecniche di Ta Lu.
La pratica delle armi detta Ping Ch'i fa parte della tradizione del T'ai Chi Ch'uan. Le armi fondamentali sono quattro:

  • Tao; la sciabola
  • Kun; il bastone lungo
  • Ch'iang; la lancia
  • Chien; la spada
I maestri ripetono spesso: "Dapprima è l'uomo che muove l'arma, poi l'arma e l'uomo diventano uniti, infine è l'arma che muove l'uomo".

Il Ch'i Kung invece tratta esercizi respiratori opportunamente studiati per permettere di coltivare la propria energia interna (Ch'i).

Il T'ai Chi Ch'uan è un Arte molto profonda. E' l'Arte della morbidezza. Logiche conseguenze della sua pratica sono la salute del corpo e la capacità di difendersi. La ripetizione delle tecniche porterà a far parte di voi stessi i movimenti, permettendo di sconfiggere la durezza con la morbidezza e rendervi invincibili, ma non si deve mai essere violenti, mai far del male e mai attaccare per primi, bisogna avere un cuore pacifico come quello di Buddha.